Le osservazioni presentate dai privati all'atto di adozione di un nuovo strumento di pianificazione del territorio costituiscono sempre, e non a seconda del loro contenuto, meri apporti collaborativi

Per consolidata giurisprudenza, le osservazioni presentate dai privati all'atto di adozione di un nuovo strumento di pianificazione del territorio costituiscono sempre, e non a seconda del loro contenuto, meri apporti collaborativi, in funzione di interessi generali e non individuali, per cui l'Amministrazione può semplicemente rigettarle ...


Per visualizzare l'articolo completo devi essere abbonato
o accedere all'area riservata

Visualizza tutto
Visualizza tutto
Visualizza tutto
Visualizza tutto
Visualizza tutto