Un volume interrato determina inevitabilmente un’alterazione dello stato dei luoghi rilevante sotto il profilo paesaggistico ed è qualificabile come nuova costruzione richiedente il permesso di costruire

Costituisce ius receptum l’arresto secondo cui la realizzazione di un volume interrato determina inevitabilmente un’alterazione dello stato dei luoghi rilevante sotto il profilo paesaggistico (cfr., ex multis, Cons. Stato, sez. IV, n. 2388/2005; sez. VI, n. 110/2011; sez. IV, n. 1879/2 ...


Per visualizzare l'articolo completo devi essere abbonato
o accedere all'area riservata

Visualizza tutto
Visualizza tutto
Visualizza tutto
Visualizza tutto
Visualizza tutto