L’onere di motivazione delle scelte urbanistiche, in sede di adozione di uno strumento urbanistico, è di carattere generale e risulta soddisfatto con l'indicazione dei profili generali e dei criteri che sorreggono le scelte effettuate, senza necessità di una motivazione puntuale e mirata

Secondo la giurisprudenza amministrativa (cfr., ad es., da ultimo, Cons. Stato, sez. IV, sent. n. 4707 del 2017), in linea di principio, l’onere di motivazione delle scelte urbanistiche, in sede di adozione di uno strumento urbanistico, è di carattere generale e risulta soddisfatto con l'indicazione dei profili generali e dei criteri ...


Per visualizzare l'articolo completo devi essere abbonato
o accedere all'area riservata

Visualizza tutto
Visualizza tutto
Visualizza tutto
Visualizza tutto
Visualizza tutto