La destinazione a parcheggio impressa dallo strumento urbanistico a determinate aree costituisce vincolo conformativo e non espropriativo, con esclusione di indennizzo

Costituisce avviso costante della giurisprudenza amministrativa che “la destinazione a parcheggio impressa dallo strumento urbanistico a determinate aree, non comportando automaticamente l’ablazione dei suoli ed, anzi, ammettendo la realizzazione anche da parte di privati, in regime di economia di mercato, delle relative attrezzature ...


Per visualizzare l'articolo completo devi essere abbonato
o accedere all'area riservata