Le scelte pianificatorie operate dalla Pubblica amministrazione non possono essere condizionate neppure dalla pregressa indicazione, nel precedente piano regolatore, di destinazioni d'uso edificatorie diverse e più favorevoli rispetto a quelle impresse con il nuovo strumento urbanistico o una sua variante, con il solo limite dell'esigenza di una specifica motivazione a sostegno della nuova destinazione in caso di aspettativa qualificata

Le scelte pianificatorie operate dalla Pubblica amministrazione non possono essere condizionate neppure dalla pregressa indicazione, nel precedente piano regolatore, di destinazioni d'uso edificatorie diverse e più favorevoli rispetto a quelle impresse con il nuovo strumento urbanistico o una sua variante, con il solo limite dell'esigenza ...


Per visualizzare l'articolo completo devi essere abbonato
o accedere all'area riservata

Visualizza tutto
Visualizza tutto
Visualizza tutto
Visualizza tutto
Visualizza tutto