Demanio e Patrimonio Pubblico

Archivio Completo

Area EDILIZIA Sentenze e commenti

Archivio Completo

Area URBANISTICA

Il limite all’installazione degli impianti fotovoltaici nelle zone A, se visibili dagli spazi pubblici, stabilito in via autonoma da un Comune esula dalle competenze dell’ente

Come già evidenziato dalla giurisprudenza (cfr. TAR Calabria, Catanzaro, sez. I, sent. 29 marzo 2018, n. 771), “ Nel sistema normativo delineato dal legislatore nazionale in attuazione della Direttiva Europea 2001/77/CE, il quale a sua volta va raccordato alla cornice costituzionale (cfr. art. 117 Cost. anche per l’obbligo di conformarsi ... Segue

Le scelte pianificatorie operate dalla Pubblica amministrazione non possono essere condizionate neppure dalla pregressa indicazione, nel precedente piano regolatore, di destinazioni d'uso edificatorie diverse e più favorevoli rispetto a quelle impresse con il nuovo strumento urbanistico o una sua variante, con il solo limite dell'esigenza di una specifica motivazione a sostegno della nuova destinazione in caso di aspettativa qualificata

Le scelte pianificatorie operate dalla Pubblica amministrazione non possono essere condizionate neppure dalla pregressa indicazione, nel precedente piano regolatore, di destinazioni d'uso edificatorie diverse e più favorevoli rispetto a quelle impresse con il nuovo strumento urbanistico o una sua variante, con il solo limite dell'esigenza di ... Segue

La destinazione a parcheggio impressa dallo strumento urbanistico a determinate aree costituisce vincolo conformativo e non espropriativo, con esclusione di indennizzo

Costituisce avviso costante della giurisprudenza amministrativa che “la destinazione a parcheggio impressa dallo strumento urbanistico a determinate aree, non comportando automaticamente l’ablazione dei suoli ed, anzi, ammettendo la realizzazione anche da parte di privati, in regime di economia di mercato, delle relative attrezzature destinate ... Segue

Il termine per l’impugnazione degli strumenti attuativi da parte di soggetti terzi, in quanto non direttamente contemplati in essi, decorre dall’ultimo giorno di pubblicazione della detta delibera di approvazione

Secondo principi generali, il termine per l’impugnazione degli strumenti attuativi da parte di soggetti terzi, in quanto non direttamente contemplati in essi, decorre dall’ultimo giorno di pubblicazione della detta delibera di approvazione (C.d.S., IV, 13 aprile 2005, n. 1696; TAR Piemonte, I, 19 aprile 2006, n. 1873 e 6 luglio 2005, n. ... Segue

Archivio Completo

Giurisprudenza

Archivio Completo

Normativa e Prassi

Archivio Completo
Visualizza tutto
Visualizza tutto
Visualizza tutto
Visualizza tutto
Visualizza tutto