Demanio e Patrimonio Pubblico

Archivio Completo

Area EDILIZIA Sentenze e commenti

La recinzione di un fondo mediante infissione di pali di sostegno e stesa di una rete perimetrale, senza realizzazione di opere murarie non richiede il previo rilascio di un permesso di costruire

La recinzione di un fondo mediante infissione di pali di sostegno e stesa di una rete perimetrale, senza realizzazione di opere murarie (c.d. recinzione leggera), è un intervento che ha un ridotto impatto visivo e che, quindi, non comportando una permanente e apprezzabile alterazione dello stato ... Segue

Archivio Completo

Area URBANISTICA

Un piano di lottizzazione approvato a cui non è mai seguita la stipula della relativa convenzione attuativa non determina un legittimo affidamento

Per giurisprudenza consolidata, il fatto che un suolo abbia ricevuto dal P.R.G. una destinazione che ne consente lo sfruttamento a fini edificatori non impedisce al Comune, in sede di variante parziale o generale dello strumento urbanistico, di assegnare al lotto una destinazione che inibisce invece la trasformazione del territorio o ne riduce la ... Segue

L'approvazione di un piano attuativo di iniziativa privata non è un atto dovuto, ancorché il medesimo risulti conforme al piano regolatore generale

L'approvazione di un piano attuativo di iniziativa privata non è un atto dovuto, ancorché il medesimo risulti conforme al piano regolatore generale, perché, sussistendo un rapporto di necessaria compatibilità ma non di formale coincidenza tra quest'ultimo e i suoi strumenti attuativi ed essendovi una pluralità di ... Segue

L'adozione di una variante al piano regolatore generale non deve essere necessariamente preceduta dalla comunicazione di avvio del procedimento ai soggetti interessati

Secondo il costante insegnamento giurisprudenziale, ai sensi dell’art. 13, L. n. 241 del 1990, “ l'adozione di una variante al piano regolatore generale, in quanto provvedimento di pianificazione generale, non deve essere necessariamente preceduta dalla comunicazione di avvio del procedimento ai soggetti interessati ” (Cons. Stato, ... Segue

L'esistenza di una precedente diversa previsione urbanistica non comporta per l'Amministrazione la necessità di fornire particolari spiegazioni sulle ragioni delle differenti scelte operate

Come costantemente affermato dalla giurisprudenza, “ l'esistenza di una precedente diversa previsione urbanistica non comporta per l'Amministrazione la necessità di fornire particolari spiegazioni sulle ragioni delle differenti scelte operate, anche quando queste siano nettamente peggiorative per i proprietari e per le loro aspettative, ... Segue

Archivio Completo

Giurisprudenza

Archivio Completo

Normativa e Prassi

Archivio Completo